Perché i link interni sono così importanti per la SEO?

struttura link interni

Ottimizzare la struttura dei link interni di un sito web in ottica SEO

Molto spesso quando si pensa alla link building si pensa solo ai link esterni, cioè i link che da un dato sito web arrivano al nostro, ma in una corretta strategia di link building, bisogna fare attenzione anche ai link interni ovvero quei link che collegano tra loro i contenuti presenti nelle pagine o negli articoli presenti sul nostro sito o blog. Anche se molto spesso si considerano, giustamente, i link interni come parte dell’Ottimizzazione SEO On Page, io li ritengo anche utili alla internal link building. L’obiettivo è quello di distribuire in maniera mirata la “Link Juice” 

I link interni aiutano i robot dei motori di ricerca a trovare le pagine più rilevanti di un sito web e a categorizzarle e se usati bene possono migliorare l’indicizzazione e il ranking delle pagine del sito, purchè siano utili al visitatore a navigare il sito in maniera più “lineare”, portino traffico e informazioni utili….mi spiego meglio, io non amo tanto quei link posti nel footer o che presentato la stessa anchor text per la stessa URL in maniera ridondante, per me i migliori sono i link presenti nel contenuto della pagina, ma attenti a non linkare sempre con lo stesso anchor text (parola chiave esatta) variate e sopratutto fatelo in modo naturale, linkate solo quando pensate che la risorsa sia davvero utile al lettore.

Come realizzare la struttura dei link interni per la SEO

La mia tecnica è questa: scrivete nella barra di Google “site:www.miosito.com + keyword che mi interessa” la pagina o l’articolo che si trova al primo risultato è quella da spingere e nelle altre pagine dei risultai vado ad aggiungere i link con parola chiave secca o a frasi verso questa pagina o questo articolo. Non mi stancherò mai di dirlo, ogni link che si mette in una pagina deve essere utile al lettore, deve portare l’utente verso un approfondimento che completa il contenuto e non verso risorse senza senso, se vedete che il link è forzato non inseritelo.

Se usi WordPress esistono dei plugin come SEO Smart Links che trasformano automaticamente in link le parole che inserisci all’interno del pannello di amministrazione del plugin, io però preferisco e ti consiglio di creare i link interni a mano

Con questo articolo non voglio assolutamente dire che i link esterni ( backlinks ) non sono importanti, per me un link esterno è più importante di un link interno, ma voglio solo sottolineare l’importanza di una struttura di link interni che se ben studiata può aiutare il posizionamento del sito web.

Uno strumento utile per l’analisi dei link interni del tuo sito è Visual SEO Studio, il progetto è italiano e gratis.

 

Link interni e articoli correlati aiutano a migliorare i risultati SEO?

Quando parliamo di link come un fattore di ranking, ci si riferisce principalmente ai link esterni, ma anche i collegamenti interni possono essere preziosi.

I collegamenti interni in un sito aiutano i motori di ricerca a capire:

  • Come è strutturato il sito
  • Quali sono le aree tematiche
  • Qual è la profondità e l’ampiezza del contenuto offerto

 

Anche gli articoli correlati sono un buon modo per creare collegamento interno ai contenuti purchè gli articoli siano effettivamente pertinenti a quell’argomento cercando di rispondere alle domande dell’utente aiutandolo a capire meglio, ad avere più informazioni su un dato argomento, quindi non pensate ai motori di ricerca ma cercate di creare una struttura di link interni che fornisca valore per l’utente.

Se non si dispone di una strategia di collegamento interna, si perde un’opportunità preziosa per migliorare i risultati SEO e allo stesso tempo creare un’esperienza del sito web più user-friendly per i visitatori.

 

Condividi questo post

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *